Événements

Mostra "Ars Habitat. L'arte di scoprire l'arte"

Images
pièces annexes
Fiche détail

Mostra "Ars Habitat. L'arte di scoprire l'arte"

Dates


Description
Prosegue fino al 24 marzo la rassegna d’arte "ARS HABITAT – l’arte di scoprire l’arte", allestita presso i Saloni Morano, in via dei Bastioni.

Sabato 2 marzo è stata inaugurata la terza e ultima parte della rassegna d’arte contemporanea in progress "ARS Habitat – l’arte di scoprire l’arte", nata da un progetto dell’artista visiva e curatrice Francesca Boi con la collaborazione del critico d’arte Christian Humouda. Tra i nuovi artisti in esposizione, presentati da Christian Humouda, figurano anche i pittori genovesi Enzo Dente - allievo di De Chirico, espone le sue opere in diversi ambiti internazionali, tra cui la Biennale di Venezia - e Ivo Vassallo - che ha insegnato all’Accademia di Belle Arti di Genova ed esposto in contesti internazionali prestigiosi e presto in tour con tutte le opere nella Repubblica Popolare Cinese. In questo prossimo appuntamento si incontrerà anche l’artista toscano Giuseppe Aldi - che spazia dalla pittura alla scultura, dal fumetto alla fotografia, dalla musica alla poesia, insignito nel 2016 del Collare Laurenziano del Premio Europeo “Lorenzo il Magnifico”. Si avrà anche il piacere di “abbracciare gli alberi” grazie al fotografo d’arte Luca Zampini, di Ferrara, con il progetto “ABBRACCI. Il richiamo degli alberi” - l’artista ha partecipato a esposizioni nazionali e internazionali. Ancora, ci si abbandonerà completamente alla bellezza della forma con la “scultrice dell’anima” Katrin Pujia, da Mestre, Venezia, in cui l’arte è movimento e delicatezza del gesto - ha ricevuto importanti premi e riconoscimenti come il Russian Art Award di Mosca e l’International Vision Art Gallery.

Nuovi e suggestivi dipinti ad olio in esposizione di Roberto Cantamessa e di Michele Cammarota, prenderanno vita le sculture in ceramica e legno di Anna Aletto, le tele sul tema del colore di Graziella Boi, le installazioni quasi metafisiche di Piergiorgio Panelli negli ambienti scenografati dall’artista e curatrice del progetto Francesca Boi.

La performance dal vivo dedicata alla Luna, che ha inaugurato la seconda parte della mostra, sulle note del pianoforte della maestra di musica Orietta Cassini, la voce della cantante lirica la soprano Tanya Carbonero, scena e costume della stessa Boi è stata registrata trasformandosi nell’installazione sonora “La Luna ritrovata” diventando così fruibile come “oggetto d’arte sonoro”. Tra gli artisti visivi in esposizione anche Graziella Boi, con dipinti e stampe ad incisione, Dayana Sharon Marconi, con alcune stampe e alcune opere originali del libro d’artista Caterpillar, Michele Cammarota, con dipinti ad olio, Pietro Longhi, con poesia e fotografie.

Si ringrazia la partecipazione del restauratore Stefano Chiesa, per gli arredi, il Castello di Uviglie vini, la Delegazione della DOC e del presidente Andrea Desana, l’Associazione dei Tartufai della Valle Ghenza e la Pro Loco Rosignanese.

La mostra è visitabile fino al 24 marzo il sabato e la domenica dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30; giovedì e venerdì su prenotazione info@freshen.it.


* * * * *

La rassegna d'arte Ars Habitat - l'arte di scoprire l'arte accoglie il pubblico offrendo una visione nuova delle opere d’arte associate alle opere d’arte che offre il territorio, attraverso allestimenti non ordinari e in evoluzione, capace di apportare la freschezza dell’esposizione minimale e la vivacità del cambiamento, in contrapposizione a quanto comunemente è più legato alla tradizione espositiva, proprio a significare lo scorrere della vita, caratterizzato anche dal susseguirsi di eventi imprevisti, spesse volte spostando e trasformando i nostri punti fissi.

La creazione e la stesura di questo progetto nascono dalla volontà di valorizzare un’idea nata dalla passione per l’arte e il luogo in cui viviamo, ampliandola e aprendola verso il mondo, arricchendola di contenuti e diffondendola attraverso una reciprocità diffusa che passa attraverso il sapere delle mani.

L’opera d’arte è il frutto di una nostra espressione della gestualità nel quotidiano, ma è anche il riflesso del nostro habitat, quindi la nostra casa, e la nostra storia, ed è in questo modo possibile, attraverso la cultura, riscoprire una diversa identità sociale e collaborativa.

Adresse et contacts
Rosignano Monferrato